lunedì 13 marzo 2017

Recensione: Tutto in una sola notte di Kylie Scott

Etichette: , , , , , ,
Buongiorno e buon inizio settimana Inkers! Passato un bel weekend? Io sono in fermento perché non vedo l'ora che sia venerdì! Come sarebbe a dire perché? Ma perché andrò a vedere "La Bella e La Bestia"! Non sto più nella pelle!
La scorsa settimana ho rimesso mano alle liste delle serie quindi andate a darci un'occhiata, mi raccomando! Vi lascio qui il link diretto *cliccami*
Inoltre vi ricordo che ormai sono due settimane che il blog è approdato anche su Telegram quindi se avete l'app (e se non ce l'avete scaricatela e abbandonate Whatsapp u.u) unitevi al canale *questo* per essere sempre aggiornato con i nuovi post, le foto, le flash news e tutte le piccole novità che non vengono dette sul blog.
Oggi però parliamo di un libro che ha un paio d'anni - ma di cui è uscito l'ultimo il mese scorso in digitale e questa settimana arriva il cartaceo - e che mi è piaciuto molto: "Tutto in una sola notte" di Kylie Scott edito da Newton Compton Editori.


TUTTO IN UNA SOLA NOTTE
Kylie Scott

⭐⭐⭐⭐

Editore: Newton Compton Editori
Prezzo: Tascabile 5,90€ | Cartonato 9,90€ | Ebook 4,99€
Pagine: 320
Serie: Stage Dive/ The Lick Serie #01
Genere: Romance, New Adult

Trama: I piani di Evelyn Thomas per festeggiare il suo ventunesimo compleanno a Las Vegas erano grandiosi. Non aveva certo previsto di svegliarsi sul pavimento del bagno della sua stanza d’hotel, con i postumi di una sbornia madornale e un uomo tatuato, seminudo e molto attraente accanto ad assisterla. E, ciliegina sulla torta, un diamante al dito grande abbastanza da spaventare. Se solo riuscisse a ricordarsi come tutto ciò possa essere accaduto, sarebbe già qualcosa… Lui si ricorda tutto, invece: si chiama David, è il chitarrista di una rock band di successo, gli Stage Dive, e da meno di dodici ore pare sia il marito di Evelyn. E adesso? Che fare? E se non si fosse trattato solo di un errore dovuto ai fumi dell’alcol?


Se cercate qualcosa di innovativo questa non è la lettura per voi, ma se siete in vena di qualcosa di semplice - anche di già visto - che vi tenga incollati alle pagine per quelle tre ore di relax che vi servono per staccare la spina e stare un attimo con voi stessi allora avete tra le mani il libro giusto.

Sia Evelyn che David sono personaggi davvero bellissimi, entrambi affrontano un'enorme crescita dall'inizio alla fine della storia e il loro modo di muoversi l'uno attorno all'altra come due satelliti è spettacolare.
La cosa che mi è piaciuta di più comunque è la tenerezza di David: sotto quella corazza da rock star c'è quel lato fragile che mi ha conquistata in toto quando mette in mostra la sua delusione per l'amnesia di Evelyn riguardo il loro matrimonio a cui lui evidentemente lui teneva tantissimo.
Anche qua, come sempre per me, io ho preferito il personaggio maschile (e no, purtroppo non c'è il suo pov), ma in questo caso il motivo è che ho trovato le scelte di Evelyn circa il suo futuro un po' improvvisate, quasi buttate lì come se l'autrice non avesse le idee chiare al riguardo tanto quanto la sua protagonista.
«Mi hai chiesto se tu fossi il mio modo per vivere una vita normale. Ho bisogno che capisca che non è così. Stare con te, quello che sento per te, tutto questo mi fa trovare contatto con la realtà, ma solo perché mi fa mettere in discussione ogni cazzo di cosa. Mi fa venire voglia di migliorarmi, di essere una persona migliore. Non posso nascondermi o inventare scuse di merda quando si tratta di te, perché non funzionerebbe. Nessuno di noi è felice a stare così e io voglio che tu lo sia…»
I personaggi secondari sono molto ben caratterizzati e non vedo l'ora di leggere la storia di Mal perché è troppo simpatico e mi ha incuriosita non poco: adoro i personaggi così allegri e frizzanti, un po' perché sono l'esatto opposto di come sono io e un po' perché alla fine sono quelli che nascondo sempre i segreti e le sofferenze più grandi.

La storia di per sé è estremamente semplice, ma è scritta davvero bene e lo posso affermare perché i sentimenti arrivano forti e chiari, non ci sono arcani giri per arrivare al punto, i dialoghi sono credibili e non costruiti apposta per affascinare. Insomma, vi accompagna dall'inizio alla fine senza che vi passi per la mente di voler cambiare lettura!
David aveva portato in superficie la parte più fragile di me. In confronto all’amore tutto il resto aveva un senso: la speleologia, i lanci nel vuoto, la lotta con gli orsi. Ma adesso era troppo tardi per preoccuparsi. Le parole ormai aleggiavano nell’aria. Se l’amore era per i pazzi, allora lo sarei stata. Per lo meno, sarei stata una pazza onesta.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

E ditemi readers, voi avete già letto questo libro e la sua serie?
Io sicuramente leggerò anche i volumi successivi anche se mi hanno detto che non sono altrettanto belli, sapete che io non mi faccio spaventare dai cliché.



1 commento:

  1. Ciao Jessi, non conoscevo proprio questo libro o.O Be', nella blogosfera si imparano sempre notizie interessanti! Sembra molto carino e promettente (e mi ricorda un film divertentissimo di qualche anno fa... Ma ovviamente non ricordo il titolo nè gli attori -.-). Poi, l'idea che la serie sia terminata proprio in questi giorni invoglia certo a lanciarsi:)

    RispondiElimina