venerdì 20 aprile 2018

Recensione: Six of Hearts di L.H. Cosway


 Ink Magic English 


Buongiorno Inkers e buon venerdì, come state? Io sono quasi in semi ferie, infatti lavorerò ancora lunedì e martedì e poi farò telelavoro fino al 2, quanto sono felice?
Non ho ancora capito se alla fine il boss mi manda al Salone di Torino per il lavoro, ma vabbé.
Parlando di libri, invece, in realtà non volevo pubblicare la recensione di questo libro, ma ho guardato il calendario e siccome mi sono resa conto che non farò in tempo a finire "Gli eroi perduti" alla fine ho optato per parlarvi di "Six of Hearts" di L.H. Cosway.



TRAMA:
SIX OF HEARTS
HEARTS #1
L.H. Cosway

⭐⭐⭐⭐

Editore: Autopubblicato
Prezzo: Cartaceo 13,51€ | Ebook 2,99€
Pagine: 385
Data uscita: 1 Marzo 2015 (inedito)
Genere: Romance, New Adult
Fate un passo avanti e incontrate Jay Fields: illusionista. Mentalista. Ingannatore.

Io ragiono in triangolo. Tu ragioni in linea retta.
Io posso mostrarti un tavolo e farti credere che sia una sedia.
Fumo e specchi, giochi di prestigio, depistaggio. Io illudo, inganno.
Ma, più di tutto, metto su un magnifico spettacolo.
Il mondo pensa che io abbia ucciso un uomo, ma non è così. Abbiate pazienza. Fa tutto parte del gioco.
Quello che voglio è la vendetta. La voglio per me e la voglio per lei.
La voglio per noi sei.
Non si ricorda di me, ma è lei la ragione dietro a tutto. Alla fine, sarà lei il mio premio - se riesco a far valere la mia forza di volontà. Magari scivolerò un poco, forse ne sentirò il sapore, giusto un assaggio.
Quindi, forza, fatevi avanti e pescate una carta. Entrate e godetevi lo spettacolo. Guardate le mie mani, osservatele così attentamente da perdervi cosa sta succedendo davvero mentre voi siete concentrati sul guardare. Distruggerò il vostro mondo proprio da questo punto, sotto i riflettori.
Non mi vedrete arrivare finché non sarà troppo tardi.
Ho un solo cuore, e dopo che avrò svelato l'imbroglio, lo darò a lei.
Quindi, mettetevi comodi, rilassatemi, e lasciate che la mia ragazza vi racconti la nostra storia. State per affrontare un gran bel viaggio.

SERIE: HEARTS
1. Six of herts (inedito)
1,5. Macabre Magic (inedito)
2. Hearts of fire (inedito)
3. King of hearts (inedito)
4. Hearts of blue (inedito)
5,5. Thief of hearts (inedito)
5,75. Cross my heart (inedito)
6. Hearts on air (inedito)


Dunque dunque dunque, cosa posso dirvi di questo libro? Forse che mi aspettavo qualcosa di più, visti i commenti eccezionali, ma capisco che sia proprio un mio limite: ormai io e i new adult non ci parliamo più.

La cosa bella di "Six of Hearts", però, è che, per essere un new adult, si distacca abbastanza dalla tua etichetta e tende più verso il contemporary, mantenendo però quella nota ingenua tipica del suo genere.
Parlando di ciò che mi è piaciuto, sicuramente c'è l'ambientazione: l'Irlanda non fa spesso da sfondo ai romance, ma soprattutto ciò che non avevo mai letto prima era il tema dell'illusionismo e ammetto che l'autrice è stata molto, ma molto brava al riguardo.
Il lavoro da illusionista di Jay non è solo un escamotage per far far al personaggio qualcosa di diverso dal solito, ma è una parte importante del libro e della vita del personaggio.
Ci viene mostrato il duro lavoro dietro alla preparazione di un numero e come sia, più o meno, sguazzare in quelle acque.

I once read that people who have imaginary friends never reach out to touch them. There’s some part of their brain that subconsciously knows it will break the spell. That’s what it feels like with Jay. He entrances me in a way that makes me feel like he must not be real. Someone so incredible could only be a figment of my imagination.
----------------
Una volta ho letto che le persone che hanno amici immaginari non allungano mai la mano per toccarli. C'è una parte della loro mente che inconsciamente sa che la cosa romperà l'incantesimo. È questo che provo con Jay. Lui mi tocca in un modo che lo fa sembrare irreale. Qualcuno di così incredibile può essere solo un parto della mia immaginazione.

I personaggi sono ben caratterizzati e anche se la storia è raccontata dal pov di Matilda, il protagonista indiscusso è Jay.
Jay che nasconde un segreto. Jay intorno al quale gira un mistero. Jay che è il burattinaio.
Ho apprezzato molto la parte - passatemi il termine e notate le virgolette - "mistery" anche se, Jess e Fede mi sono testimoni, ho capito tutto (ma proprio tutto) alla fine del prologo, al 6% del libro.
Matilda è un po' più stereotipata come personaggio, non negativamente, ma diciamo che non resta impressa.
Il mistero attorno a cui gira la storia è gestito bene e, se non si fanno delle ipotesi basate sugli infiniti romance già letti, subito in principio, non è immediato capire dove andrà a parare.

In generale è stata una lettura piacevole, grazie anche al fatto che lo stile della Cosway resta semplice nonostante quel tocco di slang del nord.

Epic love.
 All of a sudden, it comes to me. The epic love I’ve always wanted was with me all along, and it’s nothing like what I imagined. It’s better, because it’s real. It’s not perfect or pretty. It’s full of mistakes and sacrifices, and sometimes even ugliness.
---------------
L'amore epico.
All'improvviso, me ne rendo conto. L'amore epico che ho sempre voluto era con me per tutto il tempo, e non è assolutamente come lo avevo immaginato. È meglio, perché è reale. Non è perfetto o bellissimo. È pieno di errori e sacrifici, e a volte anche di cose brutte. 

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Che ve ne pare?
Se mai arriverà in Italia lo leggerete?




1

giovedì 19 aprile 2018

BlogTour | Burn With You di Letizia Venturini


 BlogTour 


Buongiorno Inkers e buon giovedì, come state? Io oggi sono di nuovo in ufficio, ieri e martedì ho lavorato da casa e non vedo l'ora del 24 quando sarò in ferie barra lavoro da casa fino al 2.
Detto questo, oggi vi porto la sesta tappa "L'importanza delle emozioni" del BlogTour dedicato a "Burn With You" di Letizia Venturini.



TRAMA:
BURN WITH YOU

Letizia Venturini



Editore: Autopubblicato
Prezzo: Cartaceo --,--€ | Ebook 5,00€
Pagine: 595
Data uscita: 26 Aprile 2018
Genere: Young Adult
Australia. Sydney.
Chase Carter aveva tutto quello che una persona può desiderare: la passione per la musica, gli amici migliori del mondo, l'amore di una ragazza davvero speciale. Un tutto che non è riuscito a tenersi stretto.
Leah Lewis ha l'anima distrutta e fa di tutto pur di proteggere quel che ne rimane. Come Madison, sua amica da una vita. Insieme hanno condiviso così tante cose da non riuscire più a distinguere dove finisca l'una e inizi l'altra. Sono più che sorelle. Sono una il sostegno dell'altra, per affrontare quella vita che gliene ha fatte passare davvero tante.
Come tanto hanno dovuto affrontare anche Luke, Michael e Aidan, tre amici che, nonostante il tempo e nonostante ciò che hanno vissuto, sono ancora uniti.
Tutti e sei sono passati dentro inferni che non vorrebbero più rivivere. E non hanno intenzione di cadere ancora a causa di quello che la vita potrebbe portare sulla loro strada.
Una vita che non ha smesso di sorprendere.
Perché quando Leah e Chase si incontrano, cambia tutto, radicalmente. Segreti più grandi di loro torneranno alla luce, nonostante gli sforzi che compieranno, sia insieme, sia da soli. Segreti che cambieranno tante, forse troppe cose.
Nessuno di loro vuole crollare. Ma saranno forti abbastanza per affrontare tutto quanto?


Dall'autrice

Come penso abbiate capito dalle tappe precedenti, la storia di "Burn with you" non è allegra né semplice. È una storia difficile, in cui i personaggi si ritrovano ad affrontare tanto, anche senza volerlo, anche se non sono pronti fino in fondo. Compiono un viaggio dentro loro stessi, dentro ciò che tengono nascosto alle persone care, dentro i pesi che si portano dietro da tempo, dentro ciò che provavo, ciò con cui non vorrebbero avere più niente a che fare, ciò che vorrebbero provare.
In "Burn with you", le emozioni giocano un ruolo estremamente importante. Prima di tutto perché, durante la scrittura, mi hanno aiutata a capire i miei stessi personaggi e a costruirli passo dopo passo. Secondo, perché è grazie alle emozioni stesse dei personaggi se la storia è nata.
Oltre a creare una trama diversa dal solito, volevo esplorare il mondo interiore dei miei personaggi: spogliarli di tutto, osservarli con la lente di ingrandimento e il microscopio. Volevo provare a descrivere le loro emozioni e sensazioni in un modo che non avevo mai visto nei libri che ho letto nel corso degli anni. Non so se ci sono riuscita, non è compito mio dirlo.
So soltanto che, andando a fondo in ciò che provano i protagonisti, mi ha aiutata tantissimo. Soprattutto a sfogare me stessa, a capirmi meglio e a superare il periodo che stavo passando. Oltre a un viaggio dentro ai ragazzi che si incontrano nelle pagine, parlare delle loro emozioni è stato, di riflesso, un viaggio anche dentro me stessa. Avevo bisogno di chiarezza, di ripulire la testa. E parlare delle tempeste interiori che i protagonisti vivono nella storia mi è stato di grande aiuto e, in qualche modo, anche di conforto.
Altra cosa a cui puntavo mentre cercavo di sviscerare ogni più piccola parte dei personaggi era il fatto che volevo dar loro più naturalezza/umanità possibile. Volevo descrivere le cose come le avevo sentite quando ero adolescente. Volevo creare personaggi in cui i giovani lettori potessero ritrovarsi completamente, nella gioia e nel dolore, nelle amicizie e negli amori, nel rapporto con la famiglia e, ancora più importante, nel rapporto con se stessi. Volevo dar loro una voce in più, un modo per sfogare tutto quello che si portano dentro e che non riescono a dire.
Le emozioni sono la chiave di tutto. Sono ciò che muove i personaggi, sono ciò che li lega e li allontana, sono il perno su cui gira tutto il resto. Emozioni, sensazioni, pensieri. Un mix a cui ho provato a dare voce.
E spero davvero di essere riuscita nel mio intento.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Contatti autrice:

Instagram: (@alittlenerdsshelf) https://www.instagram.com/alittlenerdsshelf/

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Giveaway

Qui le regole del giveaway. Chi vuole partecipare, deve:
1. commentare ogni tappa del tour e lasciare la propria mail
2. diventare lettori fissi (o iscriversi alla newsletter per chi non ha l'opzione "diventa lettore fisso") dei blog partecipanti
3. mettere "Mi piace" alle pagine Facebook dei blog partecipanti

a Rafflecopter giveaway




2

mercoledì 18 aprile 2018

W... W... W... Wednesday #80


 W...W...W... Wednesday 


Buongiorno Inkers e buon mercoledì, come state? Io sono un po' giù in questi giorni. Come vi dicevo ieri, dal lavoro non sono arrivate buone nuove, quindi non mi sento molto gioiosa.
Ieri però ho passato una bella serata, con il man e un'altra coppia abbiamo mangiato una pizza e (ri)guardato Doctor Strange sempre per la preparazione ad Avengers Infinity War.

Mercoledì comunque resta la mia giornata preferita perché per il blog è giorno di WWW, il W... W... W... Wednesday una rubrica settimanale ideata dal blog Should be Reading in cui si mostrano le letture appena concluse, in corso e quelle prossime.





What are you currently reading?

Le letture in corso di questa settimana sono le stesse, identiche (e più o meno allo stesso punto) di quelle di settimana scorsa. Ovvero: "Odio quindi amo" di Susan Elizabeth Phillips e "Eroi Perduti, le mura di Cartavel" di Simone Laudiero.
Di "Odio quindi amo" sono andata avanti un pochino con l'ascolto, anche se non moltissimo. Mi piace, ma forse lo godrei di più come lettura. Anche se c'è da dire che la narratrice è perfetta.
Per quanto riguarda "Eroi perduti", come dicevo prima, sono ferma dov'ero perché mercoledì scorso sono entrata in trip e ho messo tutto da parte per leggere altro.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹


What did you recently finish reading?

E come la settimana scorsa, anche questa volta non ho rispettato minimamente la mia TBR xD
Un pochino sì, dai, vi avevo detto che con ogni probabilità avrei riletto "Verso la rovina" di Charlie Cochet e infatti l'ho fatto. Come avevo previsto ho letto anche "Quando tutto crolla".
Già, peccato che la smania Thirds non si sia fermata lì e ho finito col rileggere anche "Contro ogni logica" (qui la recensione) e "Nel Centro del mirino" (qui la recensione).
Che volete farci, ho una dipendenza. Ora spero arrivi in fretta il prossimo volume perché io devo sapere!
In più, ho finalmente letto la novella prequel di Gli Eroi Perduti (di cui, se tutto va bene, vi parlerò venerdì) "Ronac e Raila" di Simone Laudiero, e sì, aveva ragione l'autore a dire che va letta prima. Sono contenta di essere andata all'incontro e averlo scoperto. Anche perché, che ci crediate o meno, dà un sapore tutto nuovo al primo volume; sono sicura che da adesso in poi mi piacerà di più.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹


What do you think you'll reading next?

Giuro che li leggo. Lo so che "From Lukov with Love" di Mariana Zapata e "Tap That" di Jennifer Blackwood e R.C. Boldt sono in questa sezione da tre settimane, ma ve l'ho detto, non è colpa mia, sono entrata in un tunnel xD
Prometto che settimana prossima questa sezione avrà copertine diverse!

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Cinque libri (beh dai, quattro, la novella è piccina) letti,
a voi capitano mai questo genere di tunnel?


7

martedì 17 aprile 2018

Incontro e Intervista | Simone Laudiero e Gli Eroi Perduti


 Incontro & Intervista 


Buongiorno Inkers e buon martedì, come state? Qui pare essere arrivata l'estate ed è di nuovo quel periodo dell'anno in cui, oltre a non sapere come vestirsi, devo cominciare a guardarmi in giro per capire che fare della mia vita da Luglio in poi.
Sì, il mio tirocinio è quasi finito. E sì, niente rinnovo. Vabbè, lo sapevo, non è una novità, ma una ci spera sempre.
Comunque, martedì scorso ho avuto l'occasione di partecipare ad un incontro, organizzato da Piemme, dove ho incontrato Simone Laudiero che ha parlato a me e ad altri blogger della sua nuova serie "Gli Eroi Perduti" e qui sotto, dopo la scheda, vi riporto quello che ci ha detto!




TRAMA:
LE MURA DI CARTAVEL
GLI EROI PERDUTI #1
Simone Laudiero



Editore: Piemme
Prezzo: Cartaceo 16,00€ | Ebook 6,99€
Pagine: 303
Data uscita: 17 Aprile 2018
Genere: Young Adult, Storico, Fantasy
C'è un canto che risuona da millenni nei paesi affacciati sulla Croce Azzurra. È Il lamento degli eroi perduti, i paladini che hanno sconfitto le creature venute dal mare dando origine all'Era degli Uomini.
Ora le stesse terre salvate dagli eroi sono sotto il dominio di una terribile potenza: Sarmora, che ha creato uno sterminato impero grazie all'itri, una sostanza capace di rendere invincibili in battaglia. Solo Cartavel separa Sarmora dalla conquista del grande mare di mezzo, eppure la città resiste, protetta dalle sua mura inespugnabili. Inutili sono gli assalti della flotta sarmoriana, che da due anni la cinge d'assedio e che ora ripone le sue ultime speranze nell'Isola di Ferro, la più spaventosa nave da guerra mai costruita. Quando il varo è alle porte, però, voci di un imminente sabotaggio minacciano la riuscita dell'impresa. Sarà la coraggiosa e ingenua Rovaine a doverlo sventare, in una missione in cui il suo destino si intreccerà a quello di altri inconsapevoli eroi: Ronac, indomita cercatrice di tesori, Sahon, saggio tutore del futuro sovrano, e il giovano Asul, che dovrà sfuggire alla morte per consegnare una lettera in grado di salvare il mondo.

ALTRI VOLUMI IN ARRIVO



Gli incontri con gli autori, si sa, partono sempre in sordina. Un po' per timidezza di chi ascolta, un po' per timidezza di chi parla, non è semplice iniziare in quarta un monologo.
Per fortuna Federica di Piemme ha subito impedito la situazione di stallo chiedendo a Simone di parlarci del suo libro:

Definisco questo libro un fantasy mediterraneo, nel senso che ho letto tantissimo fantasy fin da quando ero piccolo e mi sono sempre posto questo problema: come far arrivare un fantasy che fosse più nostrano, più italiano, senza per questo perdere di epica? Ragionando, mi sono reso conto che forse la cosa giusta era non tanto farlo italiano, quanto più mediterraneo, perché in effetti, tornando indietro a migliaia di anni fa, l'Italia non era quella attuale; quello che esisteva era il Mediterraneo.
Pensando a questo si aprivano tantissimi nuovi scenari: quello delle Crociate, quello delle guerre Puniche, quello della Grecia, quello della corsa ai Pirati degli stati europei... spiagge, palme fortini, che davano infinite nuove possibilità oltre a quelle tipiche dei due popoli medievali in guerra.
Io ho viaggiato molto, Grecia, Siria, Turchia, Marocco, Tunisia, Israele, Palestina... sono posti che mi piacciono, e ho realizzato che tutte le esperienze che ho fatto mi sarebbero tornate utili per creare questo mondo.
Così ho pensato di creare un fantasy partendo da un mappa che non fosse un continente - come la Terra di Mezzo, come Westeros - ma che fosse un mare.
Inoltre, volevo creare un personaggio femminile forte. Già da tempo avevo questa idea di voler fare una sorta di Indiana Jones, ma femmina. Cioè un personaggio che fosse totalmente avventuroso, senza essere pesante. Pensando ad una Indiana Jones femmina, il primo nome che si visualizza è Lara Croft, ma in realtà a parte "scavare le tombe", Lara Croft non è come Indiana Jones. Lui piace perché è simpatico, cialtrone, coraggioso, tutte cose che si perdono quando diventa un personaggio femminile perché si pensa che la donna debba essere un po' più cupa, più seria, con i traumi nel passato.
Invece io volevo creare un personaggio che fosse sì una ragazza, ma che affronta la morte con il sorriso sulle labbra per quanto possibile. Ed è da qui che è nata Ronac, una cacciatrice di tesori un po' scombinata, che non ne azzecca una - sempre con uno spirito molto positivo, proprio come Indiana Jones.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

È uscita una novella prequel, "Gli Eroi Perduti - Ronac e Raila", bisogna leggerla prima del primo libro effettivo?
Sì, leggete prima la novella perché c'è una strana sovrapposizione di eventi.

A proposito del volere una protagonista inusuale, creare tutti i personaggi con caratteri così particolari è stata una cosa voluta o che è semplicemente nata così?
Io ho cominciato a leggere fantasy in terza elementare e non mi sono mai fermato. Videogiochi, film, cinema, giochi di ruolo, giochi sul cellulare... tutti i modi di esporsi al fantasy li ho esplorati.
Il fantasy è un genere estremamente derivativo, non è il genere dell'innovazione per eccellenza, quindi una volta che si scopre che un certo filone vende - tipo la principessa che di notte esce dal castello e si traveste o il re saggio - si tende a seguirlo.
Perciò quando è toccato a me scrivere, mi sono imposto di fare dei personaggi diversi da quelli abituali. Volevo fare qualcosa di diverso e che allo stesso tempo fosse leggero. Non volevo un nuovo "Trono di Spade" in cui i protagonisti sono sempre cupi e con il peso del mondo sulle proprie spalle.

Visti gli evidenti richiami al periodo greco-romano, che poi di base è dove nasce il fantasy se teniamo conto della mitologia del periodo, e la tua volontà di portare il Mediterraneo nella tua storia, puoi dire che l'idea era quella di volersi riallacciare a quelle che, in fondo, sono le nostre origini? D'altra parte, Ulisse che attraversa il mare combattendo mostri, non è poi tanto di verso da un'eroina in armatura che sconfigge un drago.
È soltanto una questione di abbigliamento, secondo me. Se pensi a un personaggio coi sandali e la tunica dici "No, perché?", se invece si presenta con la pelliccia e lo spadone, già la cosa cambia.
I mostri della mitologia greca appaiono in "The Witcher" tanto quanto nel fantasy polacco, che di mediterraneo non ha nulla. Quindi sì, ovvio, la ripresa c'è, solo che ha un look un po' sfigato.

Entrando nel merito della storia stessa, parliamo dell' "itri". Cosa ti ha portato a voler dare questo potere all'interno della tua storia?
Eh, bella domanda. Diciamo che l'itri è l'idea più vecchia che c'è in questo romanzo, risale a quindici anni fa, e ormai non mi domando più da dove arrivi. Brutalmente parlando credo che derivi dall'energia Mako di Final Fantasy. Poi... mi serviva un meccanismo che permettesse di creare questa potenza militare che ha bisogno di scavare per trovare l'itri, che serve a potenziare soldati che, sostanzialmente, cercano altro itri. Mi sembrava un buon metodo per avere più archi narrativi.

Dato che sappiamo già che si tratterà di una serie, puoi dirci quanti volumi prevedi?
Questa è una cosa che ancora va valutata, ma essendo che i miei modelli di riferimento navigano sulle migliaia di pagine... però non è fattibile. La novella è il prequel, questo primo libro è palesemente un volume introduttivo. Diciamo che, indicativamente, sarei puntato sui cinque volumi. Quattro se vanno inspessendosi di volume in volume. Per ora sono tre comunque. Poi c'è da dire che ogni serie ha il suo numero simbolo, tipo Il trono di spade col sette. Questo... il numero giusto potrebbe essere quattro, per i quattro bracci della Croce Azzura, per gli dei. Quattro sarebbe un numero elegante. 

Come scegli i nomi dei personaggi e dei luoghi?
Ottima domanda. È un misto di tutto, sicuramente c'è un tentativo di trovare un'alternativa. Consapevole che i nomi inglesi sono più belli, suonano più fighi e danno una sensazione di meraviglia, di esotico, che ti attira. Se in un libro, i nomi ti ricordano la fermata della metropolitana... meh. Però, contemporaneamente, mi sono detto che non esiste solo l'inglese, quindi troviamo nomi che sembrano arabeggianti - e qui è abbastanza facile, metti le "d" alla fine.
Con "Cartavel"... quante me ne hanno dette perché dicevano sembrava "carta velina", ma il richiamo è volutamente Cartagine. Sarmora è la variante di Roma.

Hai un autore fantasy preferito o che ti emoziona più degli altri?
Tolkien è sicuramente il migliore. Cioè non è un problema di ti emoziona di più o di meno. Lui ha creato tutto, ha inventato. Poi ovvio, può non piacere, dodici capitoli sugli Hobbit che salgono le scale possono annoiare in effetti.
Quando avevo sedici anni ero impazzito per un tale Tad Williams, da cui tra l'altro si ispira Martin. È una trilogia leeeenta, seria, ma era il meglio che si poteva fare negli anni Ottanta. Adesso sarebbe illeggibile. Duecento pagine prima che il protagonista scappi di casa.
Poi ovviamente c'è Martin. Non è famoso per niente. Serie tv a parte, lui è l'antieroismo.
E Terry Pratchett che è un po' il mio maestro.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Che ve ne pare lettori?
Io vi posso dire che ho iniziato "Gli eroi perduti, le mura di Cartavel" e mi sta piacendo molto.
Nell'articolo ho dovuto tagliare diverse parti dell'intervista perché troppo spoilerose, ma cercherò di parlarvene velatamente nella mia recensione - venerdì se tutto va bene - per darvi una motivazione in più per leggere questo libro!




3

lunedì 16 aprile 2018

Speciale | Sponsorizzazioni


 Speciale Sponsorizzazioni 


Buongiorno Inkers e felice lunedì, come state? Io arrivo un po' in ritardo oggi perché nel weekend non ho fatto in tempo a preparare il post, quindi eccomi qui.

Oggi non vi parlo di libri, beh, non direttamente.
Oggi vi parlo di un nuovo servizio che ho messo a disposizione sul blog da Gennaio 2018.
Non ho mai affrontato apertamente l'argomento qui sul blog, pagina dedicata a parte, ed è il caso che lo faccia se no resterà sempre nel limbo.

Di cosa parlo?

Delle Sponsorizzazioni!


Cosa significa?

Significa che potrete comprare degli spazi pubblicitari a scelta tra diversi formati di banner fissi in tutte le pagine e/o post studiati per avere più visibilità grazie ad azioni social mirate.


🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Tipi di Banner

Banner: 240 x 200
Posizione: fisso in mezzo alla sidebar
Costo: 3,50€ al mese

Banner: 240 x 64
Posizione: fisso in cima alla sidebar
Costo: 4,00€ al mese

Banner: 770 x 128
Posizione: fisso in fondo a ogni pagina e a ogni post
Costo: 5,00€ al mese

Banner: 1040 x 64
Posizione: fisso in fondo al blog
Costo: 3,00€ al mese

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Post Sponsorizzati Blog

I post sponsorizzati sono dei normali post di segnalazione che però vengono curati con maggiore attenzione verso il pubblico e messi online nel giorno che preferite.

I contenuti necessari al Post di Segnalazione Sponsorizzato sono:
- copertina
- titolo
- autore
- se serie → titolo, volumi totali, titoli dei vari volumi
- numero di pagine
- prezzo cartaceo
- prezzo ebook
- data di uscita
- trama
- genere principale ed eventuali sotto generi
- giorno in cui volete che il vostro post vada online (se non specificato il giorno di segnalazione è il sabato)


Acquistare un post sponsorizzato comprende:
¬ Post di segnalazione sul blog (no recensione)
¬ Condivisione su Google+
¬ Condivisione su Twitter
¬ Condivisione su Facebook
¬ Condivisione su Instragram
¬ Condivisione su Telegram
¬ Condivisione su Linkedin


Costi:
Un Post di Segnalazione Sponsorizzato costa 5,00€ cad.
Potete acquistare tutti i Post Sponsorizzati che volete tenendo conto che non potete chiedere la sponsorizzazione per lo stesso contenuto più di una volta al mese.

Non ci saranno post doppi (con lo stesso contenuto) nello stesso mese.
Se volete una pubblicità mensile ci sono i banner.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Post Sponsorizzati Social

Potete anche decidere di acquistare dei post sponsorizzati anche sui social.
Questi - a differenza dei post sul blog - hanno un limite di ripetizione mensile, ma lo hanno settimanale.
Quindi, se per esempio avete scritto un solo libro, potete comprare una sponsorizzazione a settimana.


Definizione dei contenuti:
I contenuti per i Post Sponsorizzati sui Social che non passano per il blog necessitano di contenuti creati specificatamente per il soggetto, pertanto dovrete fornire (o comprare a parte):
¬ Per Facebook: testo, link di riferimento e un'immagine alta almeno 200px
¬ Per Twitter: testo, link di riferimento e un'immagine a vostra scelta
¬ Per Instagram: testo, hashtags e un'immagine in formato 1080x1080


Costi:
Se fornite voi tutti materiali necessari alla creazione dei post il costo è di 2,00€ cad.
Se invece preferite che mi occupi io della creazione dei materiali i costi sono:
¬ Per Facebook: 3,50€ cad.
¬ Per Twitter: 3,00€ cad.
¬ Per Instagram: 5,00€ cad.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Metodi di Pagamento

Buono Amazon: vi basterà aprire il sito di Amazon, scegliere la sezione Buoni Regalo e all'interno scegliere l'opzione Digitale.
Dopodiché non dovrete far altro che inserire l'importo che dovete pagare, inserire la mail che vi fornirò se sceglierete questa opzione e procedere all'acquisto.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Potete trovare queste informazioni sempre disponibili al questo link → Click!




0

domenica 15 aprile 2018

Prossime Uscite dal 16 al 22 Aprile


 Prossime Uscite 


Buonasera Inkers e buona domenica, come state? Com'è andato il vostro weekend?
Io venerdì sono andata a comprare i biglietti di Inifiny War e questa mattina ho finito il terzo libro in tre giorni. Che volete farci, i THIRDS mi creano dipendenza.
Ma non temete, da domani mi rimetto in carreggia con le nuove letture.
Tra l'altro, ve l'ho detto che siamo al 15 del mese e io ho già accumulato dodici libri cartacei?
Comunque ecco la lista delle uscite in libreria ed e ebook dal 16 al 22 Aprile 2018!


Clicca qua per vedere la lista delle uscite in libreria ed e ebook dal 16 al 22 Aprile 2018!

0