venerdì 17 febbraio 2017

Recensione: L'uomo giusto al numero sbagliato di Elle Casey

Etichette: , , , , , ,
Buon venerdì Inkers e buon appetito! Siete a pranzo? Io ho appena finito di mangiare e ora sono qua a scrivere questo post che avrei dovuto inviare questa mattina, ma ero troppo presa dalla lettura della nuova opera della Walker che non ho proprio potuto staccarmi dal Kobo finché non l'ho completata.
Ma oggi non sono qui a parlarvi del libro della Walker, no oggi parliamo del libro di Elle Casey "L'uomo giusto al numero sbagliato" edito da AmazonCrossing.


L'UOMO GIUSTO AL NUMERO SBAGLIATO
Elle Casey

⭐⭐⭐

Editore: AmazonCrossing
Prezzo: Carteceo 9,99€ Ebook 3,99€
Pagine: 336
Serie: The Bourbon Street Boys #01
Genere: New Adult, Romance

Trama: Quando riceve un SMS anonimo che le chiede di raggiungerla in un bar malfamato nel centro di New Orleans, convinta che il mittente sia sua sorella e pensando che abbia perso la ragione, May Wexler decide di andare in suo soccorso. Perché Jenny dovrebbe trovarsi in un locale per motociclisti? E infatti Jenny non è in quel bar con i suoi bambini, e l’unica a finire nei guai è proprio May. Con le sue espadrillas rosa e l’amato Chihuahua nella borsetta, in quel postaccio salta all’occhio come un’insegna al neon. E quando qualcuno inizia a sparare, non ha altra scelta che seguire il massiccio uomo barbuto che sembra l’unico disposto ad aiutarla. May si ritrova così alla Bourbon Street Boys, l’agenzia di sicurezza privata gestita dal muscoloso Ozzie, che non solo le offre protezione (e anche un lavoro), ma senza barba si rivela un’eccitante distrazione. Presto May si renderà conto che il malvivente armato che la sta cercando non è il suo unico problema. Un numero di telefono sbagliato l’ha messa in questo pasticcio… potrebbe averla condotta anche dall’uomo giusto?


Sto guardando questa pagina bianca da dieci minuti buoni e continuo a chiedermi da dove iniziare. Davvero, il girone infernale delle tre stelle è insieme Inferno e Purgatorio dei lettori viventi.
"L'uomo giusto al numero sbagliato" è una storia con tanto di quel potenziale inespresso che davvero faccio fatica a riempire questo spazio.

Partiamo dall'inconsistenza della protagonista, o meglio dei protagonisti: hanno lo spessore di un foglio di carta velina, così per capirci. May è... una donna in rosa? Come faccio a spiegarvelo diversamente? Porta il suo chiwawa in borsa, meglio? Boh, è insopportabile, davvero. Ho letto recensioni in cui la definivano vivace e altri sinonimi e no, non mi trovano d'accordo. Vivace è una persona solare, con la battuta pronta, non una che resta fissata con la barba che lui aveva anche dopo che si è rasato da una settimana. Cioè è un chiodo fisso, quando non sa come riempire la conversazione ci butta dentro la barba. Bah.
Ozzie... Ozzie è sicuramente un bel vedere per l'immaginazione di una lettrice, ma per quanto è profondo tutti i suoi muscoli potrebbero tranquillamente essere riempiti di elio.
E calando un velo pietoso sui nostri protagonisti passiamo ai personaggi secondari che almeno all'apparenza, invece, sono strepitosi e mi incuriosiscono tantissimo. Di ognuno c'è un accenno che lascia trapelare abbastanza per stuzzicare il punto giusto che mi spingerà a leggere anche i volumi successivi. Posso dire che mi è già partita la ship tra la sorella di May e il gigante buono?

La storia è prevedibile e piena dei soliti cliché, ma a me non dispiace affatto: so cosa aspettarmi e di solito non resto delusa, soprattutto quando - come in questo caso - lo stile è fresco e frizzante e riesce a coinvolgermi appieno. Quindi cos'è andato storto?
Il finale.
Ormai lo sapete che per me è fondamentale il momento di recupero, quello che fa tornare in asse ogni cosa, quindi trovandomi davanti a punto di rottura + conflitto + assestamento + pace + conclusione tutti condensati in dieci pagine, storcere il naso è stato obbligatorio.
In generale il libro non è male, si legge bene e tiene compagnia, ma secondo me è un po' forzato: la protagonista viene strutturata come se dovesse essere super divertente e invece finisce solo per essere imbarazzante.

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Allora che ne dite? Lo avete già letto o è nella vostra wishlist?
So che la mia amica Lilì lo stava leggendo e non ne era entusiasta xD


7 commenti:

  1. Sto aspettando che mi si ricarichi il tab per continuare la lettura, ancora non capisco perché ho voluto
    Leggere questo libro >.< Mi annoia tanto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, dimenticavo 😏 ESCICI UN DbD 😝 Altro che tre stelle, ne vogliamo unaaaaa

      Elimina
    2. In un anno di blog ne ho data una sola di una stella xD

      Elimina
  2. Ciao:) Purtroppo anche a me in questo periodo sono capitate un paio di letture "meh". Come nel tuo caso, ti dispiace perchè il potenziale ci sarebbe, ma bisognerebbe riprendere un po' tutto. E i personaggi... Be', se i personaggi non sono ben fatti tutto il libro è rovinato. Peccato, sono quelle letture un po' fastidiosette, meglio se stai recuperando con un libro più appassionante:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna non sono tutti così i libri xD

      Elimina
  3. a me è piaciuto, mi ha fatta ridere molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io più che comico l'ho trovato imbarazzante. Punti di vista

      Elimina