giovedì 5 aprile 2018

Recensione: Begin Again di Mona Kasten


 Recensione 


Buongiorno Inkers e buon giovedì, come state? Come avete trascorso Pasquetta? Grigliata? E oggi che fate? Riprendete a lavorare? Sì, sono domande assurde visto che ormai sarete tornati tutti al solito tram tram, ma dovete sapere che ho scritto questa recensione lunedì sera, convinta di mandarla online martedì, per poi rendermi conto che avevo post programmati fino a ieri... e quindi la recensione è slittata ad oggi. *me baka*
Comunque oggi vi parlo di "Begin Again" di Mona Kasten edito da Sperling & Kupfer che ringrazio per la copia omaggio.



TRAMA:
BEGIN AGAIN
AGAIN #1
Mona Kasten

⭐⭐⭐⭐

Editore: Sperling & Kupfer
Prezzo: Cartaceo 14,90€ | Ebook 8,99€
Pagine: 357
Data uscita: 6 Marzo 2018
Genere: Romance, New Adult
Nuovo nome, nuovo taglio di capelli, nuova città. Così Allie Harper, diciannove anni, è pronta a scrivere la sua storia, a un migliaio di chilometri di distanza dal suo passato, all'università di Woodshill, dove si è iscritta a Letteratura. Ma c'è ancora un tassello mancante per rendere davvero perfetto questo nuovo inizio: un alloggio.
La ricerca si sta rivelando più difficile del previsto e Allie ha smesso di contare i tentativi andati male. Finché, all'ultimo appuntamento in agenda, finalmente arriva lei: la casa perfetta. Pulita, luminosa e accogliente. Peccato per la compagnia: con i suoi tatuaggi e l'aria strafottente, Kaden White è l'ultima persona con cui Allie vorrebbe condividere un appartamento. E Kaden, dal canto suo, non vuole affatto una coinquilina, che lo tramortisca con tutte le sue chiacchiere da donna. Purtroppo per loro, però, le circostanze non lasciano altra scelta. Non resta quindi che arrendersi e stabilire immediatamente le tre regole fondamentali per la convivenza perfetta: niente sentimentalismi, nessun'interferenza nei fatti altrui e, soprattutto, nessun contatto fisico. Ma le regole sono fatte per essere infrante...

SERIE: AGAIN
1. Begin Again
2. Trust Again (17 Aprile)
3. Feel Again (8 Maggio)


Ho iniziato questo libro del tutto impreparata a quello che mi sarei trovata tra le mani, dalla mia avevo soltanto i commenti entusiasti dell'addetta stampa e dell'editor della casa editrice che mi avevano parlato di questo libro in toni talmente entusiastici che non ho potuto evitare di farmi accalappiare.
Ho fatto bene? Decisamente sì.

«Sì, Allie. Sì, vedere te e Spencer in quel modo mi ha reso pazzo di gelosia. Sì, mi sento insicuro, e questo mi mette una paura micidiale. Sì, dopo Kendra non mi sono più aperto con nessuno e sì, detesto il fatto che tu susciti in me il bisogno di mostrarti e darti tutto di me.»

La prima cosa da dire riguardo Begin Again è che non è il solito New Adult. Cioè, sì, lo è nel senso che ci sono tutti gli elementi che caratterizzano questo genere e sicuramente non è niente di mai visto, però c'è una cosa che gli fa guadagnare dei punti in più ed è il fatto che è molto poco frivolo.
Ho amato la caratterizzazione dei personaggi perché i drammi che si portano sulle spalle non sono estremizzati, non c'è quel vittimismo che porta a vedere i protagonisti come dei martiri.
Certo, la mano è comunque un po' calcata - soprattutto su Kaden - ma non come mi sarei aspettata visto il genere.
Altra cosa che ho davvero apprezzato è il modo in cui i due personaggi si rapportano. La scintilla c'è, si vede benché sia volutamente soppressa fino al momento clou, però Allie e Kaden sviluppano il loro rapporto su una reciproca fiducia prima di saltarsi addosso. Creano questa amicizia di cui sentirebbero la mancanza molto più che di un'ipotetica relazione. Tra l'altro, parlando del "saltarsi addosso", per essere un new adult questa parte è molto ridotta e devo dire di averla particolarmente gradita.
Anche i personaggi secondari sono parecchio marcati e hanno ruoli significativi e, devo dire, che sono curiosa di leggere di loro.

«E mi sono reso conto che mi piace l’idea di essere quello che ti sostiene quando crolli.»
 «Stai scherzando», balbettai.
 «Sono uno stronzo, e non credo che ci sia speranza per me. Ma voglio essere lo stronzo al tuo servizio. Quello che va in montagna con te quando non ce la fai più a rimanere in casa. O che vola fino a Denver dai tuoi genitori pazzi.»
[...]
«Come faccio a sapere che domattina non avrai cambiato idea? E le tue regole?»
[...]
 «Al diavolo le regole, Allie», bisbigliò. «Erano destinate a fallire fin dalla prima volta che ti ho vista.»

In generale lo stile mi è piaciuto molto, è semplice e scorrevole. "Begin Again" è un libro leggero e poco impegnativo, che ti incolla alle pagine per quanto le parole filino una dietro l'altra.
Sicuramente un paio di anni fa, quando ero in piena fase New Adult, lo avrei apprezzato molto di più, ma questo non mi ferma dal voler leggere i libri successivi!

«Cos’è?»
«Le tue parole», rispose altrettanto piano. Il suo sguardo era intenso. «Le parole che mi hanno permesso di credere di nuovo in me stesso. Le parole che mi hanno fatto impazzire perché non potevo credere che qualcuno fosse capace di vedermi come fai tu.»

🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹🔹

Che ve ne pare?
Pensate che lo leggerete?
Devo dire che a me ha sorpreso quanto la lettura mi sia sembrata young, una cosa decisamente a suo favore.



17 commenti:

  1. Potrei farci un pensierino più in là... vedremo!

    RispondiElimina
  2. Mah.. non so se fa per me, però chissà...

    RispondiElimina
  3. Forse perchè mi sembrano tutti uguali ormai non ero del tutto convinta quando ho visto questa trama, la tua valutazione però me l'ha fatta un pò rivalutare

    RispondiElimina
  4. Aspettavo questa recensione perchè ho visto il romanzo ovunque però non so c'è qualcosa che non mi convince fino in fondo...

    RispondiElimina
  5. Sinceramente non gli avevo dato nemmeno una possibilità, questo genere ormai fa sembrare ogni libro uguale. Però la tua recensione e l'accento posto sulle poche scene "hot" gli danno una chance! Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, davvero poche, stranissimo per questo genere!

      Elimina
  6. Madò Jess, io l’ho odiato >.< Avevo sentito dire che fosse come TI ASPETTAVO della Armwntrout, ma per me quest’autrice non ha neppure l’unghia incarnita dell’Armi ��

    RispondiElimina
  7. Condivido ^^ Siamo sulla stessa lunghezza d'onda :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il new adult, o lo si ama o lo si odia!

      Elimina
  8. Lo avevo snobbato perché pensavo fosse non mi sarebbe piaciuto ma adesso ci sto facendo un bel pensierino..

    RispondiElimina