sabato 27 agosto 2016

Recensione: L'accademia dei Vampiri di Richelle Mead

Etichette: , , , , , , ,
Vecchie Glorie 


Buon sabato lettori, come state? Qui tutto bene, il man è tornato e ieri sera abbiamo visto (di nuovo, visto che lo avevamo visto una volta sola) Kung Fu Panda 3. Oggi andiamo a pranzo al giapponese, mentre sta sera lui resterà a casa con suo fratello mentre io uscirò con parte della compagnia del campeggio. Insomma, il mio povero portafoglio piangerà lacrime amare e non perché ho deciso di darmi alla pazza gioia e rimpolpare le fila della mia libreria.
E a proposito di libri, siamo quindi giunti all'ultima recensione di questa "Review's Week"! Ammetto che non è stato facile tenere il ritmo, certo le recensioni le avevo già pronte sul Journal, ma mi chiedo davvero come facciano alcune blogger a postare una, se non due, recensioni al giorno. Sì, okay, magari hanno dei collaboratori, ma con tutto che amo questo spazio, un impegno del genere penso me lo farebbe vivere male.
Ma comunque non siamo qui per questo! Siamo qua per la recensione e a questo giro vi porto una vecchia gloria che ho amato con tutta me stessa e, cavolo, persino al man è piaciuto quindi vi ho già detto tutto. Parliamo di... *rullo di tamburi* "L'accademia dei vampiri" di Richelle Mead, edito da Rizzoli.

recensione review L'accademia dei Vampiri di Richelle Mead vampire academy
L'ACCADEMIA DEI VAMPIRI
Richelle Mead

recensione review L'accademia dei Vampiri di Richelle Mead vampire academy

Editore: Rizzoli
Prezzo: Rigido 14,90€ Tascabile 5,90€ Ebook 4,99€
Pagine: 432
Serie: Vampire Academy #01

Trama: Fuggire dall’Accademia dei Vampiri per rifugiarsi fra gli umani sembrava l’unica strada per una vita “normale”. Ma a due anni dalla fuga, Lissa, principessa erede di una delle più nobili casate di vampiri Moroi, e Rose, sua migliore amica e guardiana, vengono ritrovate e riportate fra le mura del college. 
Dietro l’apparente ritorno alla normalità si nasconde una lotta senza regole né morale per il controllo di un potere di cui Lissa è l’ignara custode. I pettegolezzi, gli sguardi curiosi, le malignità mascherate da amicizia sono i nemici più facili da sconfiggere. Il pericolo reale si mostra solo quando decide di colpire. Lissa pagherà con la vita, se Rose non sarà capace di proteggerla.


RECENSIONE

Se siete fan dei vampiri di Anne Rice questo libro non fa per voi.
Se siete persone che non sono aperte alle infinite possibilità della fantasia e che quindi non percepiscono i vampiri in altro modo se non come creature della notte che bruciano al sole, questo libro non fa per voi.
Ma se siete lettori a cui piace esplorare nuovi scenari, che non si fanno spaventare da ciò che non è tradizionale - soprattutto in tema di vampiri - allora amerete questo libro.

In Vampire Academy ritroviamo alcuni degli elementi tipici dei romanzi urban fantasy e young adult degli ultimi anni: vampiri che fanno fare due domande sulla loro natura, in questo caso c'è di mezzo il controllo della magia elementare e ben poco sangue per quanto riguarda i vampiri buoni (Moroi), molto sangue e niente sole e niente magia per i vampiri cattivi (Strigoi), e una scuola/college in cui i vampiri buoni studiano al fianco dei mezzi vampiri (Dhampir) che hanno il compito di fargli da guardie del corpo.

Faceva un po' sorridere il fatto che le dhampir esercitassero un tale fascino, visto che le snelle ragazze Moroi somigliavano davvero molto alle magrissime supermodelle da sfilata così di moda nel mondo degli umani. La maggior parte delle umane non avrebbe mai raggiunto quell'"ideale" di magrezza, proprio come le ragazze Moroi non avrebbero mai avuto un aspetto come il mio. Tutti volevano ciò che non potevano avere.

Sì lo so, detto così sembra che io stia prendendo in giro il tutto, ma la verità è questa: a sentirsi raccontare la trama viene da ridere, non si può negare, ma il punto di forza di questo libro è che tra tutte queste cose ridicole la storia fila che è un piacere e ha pure un suo senso perché la Mead è stata in grado di creare un universo perfettamente articolato e credibile.

I personaggi sono tutti, dal primo all'ultimo, perfettamente caratterizzati e si riescono a visualizzare senza sforzo. Ma la migliore di tutti è lei, la protagonista, Rose. Ora, lei è la mia eroina per eccellenza: sarcastica, divertente, dolce, con la battuta pronta, che si caccia nei guai una volta sì e l'altra pure, prova paura ma la sfrutta per combattere al meglio... badate, non è perfetta, commette errori come chiunque, ma insomma, se potessi diventare il personaggio di un libro io sceglierei lei.
Dimitri è il mentore. Non ci sono altri termini per descriverlo. Visualizzate nella vostra mente un personaggio che vedreste bene nei panni di un mentore (non un maestro, eh), et voilà, avete Dimitri.
Il sentimento che nasce tra i due è talmente naturale che è impossibile non crederlo vero. A chi non è mai capitato di innamorarsi o prendere una cotta in quel modo?

«È il vestito per me» ammisi. Continuai a rimirarlo, desiderandolo così tanto da sentire una fitta al petto. Era il genere di vestito in grado di cambiare il mondo. Il genere di vestito capace di far nascere una nuova religione.

Lo stile della Mead è fluido e scorrevole, non ci sono vani tentativi di simulare un gergo giovanile, non ce n'è bisogno. Il lettore viene accompagnato dai personaggi lungo la storia come se ne facesse completamente parte.
Il mistero che sta alla base della storia viene risolto gradualmente, vengono date molte informazioni per la soluzione del puzzle, ma la suspance resta fino alla fine (anche se poi la rivelazione è abbastanza scontata, seppure ben costruita).

«Tu sei stata baciata dalla tenebra. Hai oltrepassato la soglia della Morte, sei arrivata dall'altra parte, e sei tornata. Pensi che una cosa del genere non lasci un segno nell'anima? [...] Sei stata nel suo abbraccio, e una parte di te lo ricorderà sempre, combatterà sempre per rimanere aggrappata alla vita e fare esperienza di ogni cosa. È per questo che sei così avventata in quello che fai. Non trattieni le emozioni, la passione, la paura. Ciò ti rende straordinaria. Ti rende pericolosa.»

Insomma, vi ho convinti a leggerlo? Oppure lo avete già letto? Beh, se lo avete fatto mi aspetto che mi diciate cosa ne pensate!

PS: vi ricordo che il 15 Settembre scade il tempo per votare nel sondaggio in alto a sinistra nella sidebar. ❤


Richelle Mead - Vampire Academy:
- 01. L'accademia dei vampiri
- 02. Morsi di ghiaccio
- 03. Il bacio dell'ombra
- 04. Promessa di sangue
- 05. Anime legate
- 06. L'ultimo sacrificio


8 commenti:

  1. Ho letto tutta la serie *^* wow, fantastica dall'inizio alla fine! Un giorno spero davvero di rileggerla tutta, merita assolutamente! Ho letto in un blog che la Newton dovrebbe portare in Italia lo spin-off.. incrociamo le dita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma dici sul serio??? Cioè ora comincerò a tempestare la Newton di email per saperne di più! Meno male che non l'ho ancora comprata in inglese, anche se l'inglese della Mead è molto semplice!

      Elimina
  2. Ho letto belle coe su questa serie, ma di mio non l'ho mai letta - probabilmente ero già uscita dalla mia fase vampiri!! xD
    Comunque sono d'accordo sul ritmo delle recensioni: se anche ho le idee chiare quando finisco un libro e so quello che voglio scrivere e mi dico "ma sì, non ci metterò tanto" alla fine poi mi accorgo che sono passate ore! >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Conta che io prima di scriverle qua le scrivo a mano sul Book Journal, ma ogni volta che apro blogger rielaboro e alla fine ci passo su almeno un'ora ogni volta xD

      Elimina
  3. Ehi Ink eccomi qui ❤️ Che bellissima recensione hai tenuto per ultima! *_* stupenda! Mi hai stra super convinta a leggere questa serie che ammetto di essermi persa, Rose mi ha già conquistata dalla tua descrizione! E per quanto al ritmo serrato nel recensire sono più che d'accordo con te, non ce la potrei davvero fare e poi si anche se mentre scrivo il tempo sembra fermarsi in realtà corre eccome, non sarei proprio in grado di pubblicare recensioni a ritmo serrato e poi considera anche che io non sono solita leggere velocissimamente ^_^ un mega abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh si ti prego, voglio assolutamente sapere cosa ne pensi!
      Comunque no, non fa per me. Un conto farlo per lavoro o programmare i post, ma tutti i giorni questo ritmo mi viene l'ansia. Sarei una macchina da lettura e non mi godrei più nessun libro!

      Elimina
  4. Ciao! Bellissima recensione! Ho sempre pensato di iniziare questa serie ma sul più bello mi sono sempre tirata indietro, forse perché è una serie di ben sei libri e perché sono venuta a conoscenza del fatto che alcuni non sono più reperibili. Però ne hanno sempre parlato strabene e la tua recensione mi sta già convincendo a dargli una possibilità, a riprovarci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima, grazie mille! Hai ragione, sei libri spaventano, ma se può essere d'aiuto è scritto molto grande e si divora letteralmente!
      Comunque ho appena controllato e se li compri online li trovi di sicuro perché la Rizzoli li ha ristampati tutti nel 2014 quando è uscito l'ultimo volume ;)

      Elimina